Kim Kardashian, rubati anche due cellulari: foto hot presto online

I ladri volevano il prezioso anello di fidanzamento di Kim Kardashian, ma hanno arraffato anche gioielli per un valore di diversi milioni di euro, una cifra che non si recupera nemmeno nella gioielleria più alla moda di Parigi. Eppure il sequestro e furto ai danni della regina del reality l’altra sera frutterà anche altro. Alla socialite sono stati sottratti anche i cellulari: c’è da scommettere che presto online ci saranno foto compromettenti.

Classifica-10-vip-donna-con-il-sedere-rifatto2

Se Kim ha abituato i follower a scatti piccanti in topless e senza veli, se in un solo weekend ha collezionato 6mila selfie, c’è da supporre che nel suo cellulare di foto ce ne siamo parecchie e molte probabilmente bollenti. Finiranno presto in Rete?
La Kardashian dopo la disavventura parigina è rientrata in tutta fretta negli Stati Uniti. E’ stata vista salire sull’aereo con il marito Kanye West, ma senza il prezioso anello di nozze al dito. Proprio l’anello sarebbe stato nel mirino dei malviventi che pare abbiano esplicitamente chiesto che gli venisse consegnato da Kim. Poche ore prima in un selfie su Snapchat la socialitè cinguettava e mostrava il prezioso sulla mano.
Secondo gli ultimi dettagli che emergono dalle indagini, pare che la Kardashian sia stata trascinata in bagno, fatta inginocchiare, legata e imbavagliata. Kim ha temuto di poter essere violentata. I ladri le hanno sottratto l’anello di nozze da 4 milioni di euro e diversi gioielli, oltre a due telefoni cellulari. La rapina parigina ammonterebbe a 9 milioni di euro, una cifra record degna della star.
Si vocifera che forse c’era un basista e che alcune lacune emergono nel servizio di security previsto per ospiti vip con gioielli del valore così ingente. Gli oggetti preziosi ad esempio non dovevano trovarsi nella stessa stanza della Kardashian proprio per evitare azioni violente.

Kim Kardashian, rubati anche due cellulari: foto hot presto onlineultima modifica: 2016-10-04T19:14:17+00:00da acristina30
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento