L’isola piena di bambole spaventose e infestata dagli spiriti: ecco il luogo più terrificante del mondo

Un piccolo isolotto, situato all’interno di una riserva naturale, pieno di spaventose bambole menomate o comunque deteriorate ad arte e sparse un po’ ovunque: dai rami degli alberi ai muri degli edifici. È questo il luogo più inquietante del mondo?
Siamo a Xochimilco, un piccolo centro all’estrema periferia meridionale di Città del Messico. In pochi, però, sanno che questo è il vero toponimo, perché in tutto il mondo quest’area è conosciuta come ‘Isla de las muñecas’ (‘Isola delle bambole’).

chernobyl-go

Non potrebbe essere altrimenti, dal momento che questa zona è quasi del tutto disabitata ma ha una densità notevole di spaventose bambole decapitate o con gli arti mozzati.
Le foto, pubblicate spesso dai visitatori, incutono terrore a chi le vede. Per poter raggiungere la piccola isola, l’unico mezzo di trasporto è la ‘trajinera’, una particolare canoa tipica e un vero simbolo di questa zona del Messico, un po’ come la gondola a Venezia. Non tutti i rematori, però, sono disposti ad accompagnare i turisti nella zona: molti sono superstiziosi e suscettibili e hanno molta paura di raggiungere l’isola.
Perché questa zona è piena di bambole così spaventose? La risposta è legata in parte ad una vecchia leggenda locale, secondo la quale nei secoli scorsi una ragazzina appena adolescente era morta annegata, in circostanze misteriose, proprio davanti all’isola. Julian Santana, che qui possedeva un appezzamento di terreno, sosteneva di aver avuto un incontro ravvicinato, negli anni ’50, proprio con lo spirito della ragazzina deceduta in passato. Terrorizzato, aveva deciso di spargere quelle terrificanti bambole in giro per la zona allo scopo di spaventare il fantasma e tenerlo lontano dalla sua casa.
Nel frattempo, la presenza delle bambole sull’isola aveva iniziato a richiamare curiosi da tutto il Messico e non solo. Molti visitatori regalarono a Santana diverse bambole da menomare e posizionare sugli alberi della zona, mentre i più superstiziosi arrivarono perfino a donare offerte in denaro per tenere lontani gli spiriti maligni. Come riporta Gonzoo, pochi anni dopo Julian Santana fu ritrovato morto annegato nello stesso punto in cui raccontava di aver incontrato per la prima volta lo spaventoso spirito della ragazzina.
Oggi la presenza turistica nella zona è costante in tutti i mesi dell’anno. La casa di Julian Santana è diventata un museo che ospita la prima bambola posta dall’uomo nell’isola e anche la sua preferita, chiamata ‘Agustinita’. All’interno del museo è possibile consultare anche tutte le fonti, giornalistiche e non, che parlano dell’isola delle bambole, un luogo spaventoso quanto affascinante.
Oggi la presenza turistica nella zona è costante in tutti i mesi dell’anno. La casa di Julian Santana è diventata un museo che ospita la prima bambola posta dall’uomo nell’isola e anche la sua preferita, chiamata ‘Agustinita’. All’interno del museo è possibile consultare anche tutte le fonti, giornalistiche e non, che parlano dell’isola delle bambole, un luogo spaventoso quanto affascinante.

Nina Moric contro Sgarbi: “Voleva mandare quella foto a qualche strappona”

La foto di ieri pubblicata da Vittorio Sgarbi, nella quale appariva nudo sdraiato su un divano, ha creato un vera e proprio bufera mediatica: in moltissimi hanno criticato lo scatto del famoso critico d’arte.

1703521_90_498929326974347_8476853579524981928_n

Altri sono riusciti a prendere in versione ironica la foto. Nina Moric ha voluto rispondere, direttamente e indirettamente allo scatto di Sgarbi postando una foto ‘pudica’ su Facebook (come non ci ha per niente abituato). “Sgarbi nudo ed io coperta .. È questa l’Italia che sognavate da bambini?”, scrive la Moric su Facebook. Poi se la prende con il critico d’arte, rispondendo ad un utente che le chiedeva cosa ne pensasse della foto di Sgarbi ha risposto: “Ognuno posta quello che vuole…Io penso che voleva mandarla a qualche strappona e per sbaglio l’ha pubblicata, poi per non fare la figura del fesso l’ha lasciata è spacciata per arte”.

Balla la pole dance fino a una settimana prima del parto: “Mi ha aiutato a sentirmi sexy”|

Balla la pole dance fino a una settimana prima del parto. Jill Maclean, in arte Cleo ‘The Hurricane’, ha dimostrato che la gravidanza non deve essere un impedimento per nessuna donna e che tutto è possibile anche con il pancione. La pole dancere ha roteggiato su pali con tacchi vertiginosi fino al termine della sua gravidanza.

1619414_Pregnant-pole-dancer_1

La 36enne è campionessa mondiale della disciplina e non ha mai voluto rinunciare alla sua passione. «La pole dance, i tacchi, mi hanno aiutato molto durante la mia gravidanza, sono riuscita a continuare a sentirmi sexy, nonostante i cambiamenti del mio corpo», ha raccontato al Mirror, «Inoltre ha aiutato a mantenere l’elasticità muscolare del mio corpo che dovrebbe aiutarmi durante il parto». Tra circa 7 giorni dovrebbe nascere il suo bambino ed è felicissima. Jill ha detto di non vedere l’ora di abbracciarlo e che diventare mamma sarà la realizzazione di un grande desiderio, per questo non poteva rappresentare una rinuncia tanto grande, come quella di rinunciare alla pole dance.

Selvaggia Lucarelli, amore all’orizzonte? Il nuovo fidanzato è un musicista 25enne

Nuovo amore per Selvaggia Lucarelli? Così dicono i beninformati che la seguono su Instagram.

1454290_30_113775_Schermata-2015-12-30-alle-18

A far insospettire i fan una serie di scatti che definire romantici è dire poco insieme a Lorenzo Biagiarelli, musicista 25enne. I due sono volati a Praga per qualche giorno, e le foto condivise dal rocker, in arte B-Law, parlano chiaro: baci, abbracci e cene a lume di candela. Che Selvaggia abbia finalmente trovato l’amore?