Jessica, la compagna di Milik, e la sexy spallina del costume a Capri

Il costume, intero e castigato ma con un’elegante spallina nera in tessuto più da sera che da mare, sarebbe bastato a colpire l’occhio delle migliaia di follower di Jessica Ziolek. Ma la giovane lady Milik, attaccante del Napoli, che se lo può permettere visto il fisico da indossatrice, ha osato di più e con la storia postata su Instagram ha senz’altro conquistato anche l’attenzione dei rappresentanti del sesso forte.

2574964_0024_img_4905 (1)

Al largo di Capri, appoggiata sulla prua di uno yacht, la compagna di Arek Milik si è divertita infatti a farsi riprendere in una serie di foto hote, soprattutto, in un video in cui si vede chiaramente scivolare fino al massimo consentito la suddetta spallina, con un risultato decisamente sexy.
Ma niente paura: quello di Jessica è solo un gioco, e la sequenza foto – video della storia del giorno s’interrompe infatti con un casto e solare sorriso della sua protagonista, lo stesso che ha stregato l’azzurro.

Blue Whale, Matteo Viviani: “Falsi i video del servizio delle Iene”

Blue Whale, dopo il servizio denuncia de Le Iene non si parla d’altro: il drammatico gioco virale, diffuso tra gli adolescenti, che li spingerebbe a fare prove estreme fino a suicidarsi. La Iena Matteo Viviani aveva raccontato dei pericoli di questo gioco documentadoli con video e interviste delle mamme russe, perché proprio la Russia avrebbe dato origine a questo fenomeno.Oggi però, Selvaggia Lucarelli, con un articolo su Il Fatto Quotidiano, mostra qualcosa di inaspetatto sul servizio mandato in onda su Italia Uno, perché secondo lei, come avave anche anticipato sulla sua pagina Facebook, il Blue Whale “puzzava di bruciato”.

2488639_1425_blue_whale_video_falsi_le_iene

La Iena Viviani nell’intervista ammette che le conversazioni con le mamme russe che avevano appena perso i figli e i video dei suicidi sono false.
«Me li ha girati una tv russa su una chiavetta e ammetto la leggerezza nel non aver fatto tutte le verifiche, ma erano comunque esplicativi di quello di cui parlava il servizio». Il servizio è diventato però virale, e come spesso accade l’emulazione è la prima fonte del problema, ma Viviani si è detto sereno: «Ieri sono andato in una classe e ho chiesto quanti conoscessero il Blue Whale prima del mio servizio. La metà degli alunni ha alzato la mano. Noi adulti ignoriamo parte del web, specie quella popolata dai giovanissimi. La polizia ha salvato una ragazzina che era quasi al cinquantesimo (e ultimo) giorno del gioco, quindi aveva iniziato prima della puntata». Molti sono stati i ragazzi salvati da questo gioco dalla polizia, e la iena respinge le accuse di aver innescato un meccanismo di emulazione con il suo servizio: «Non posso praticare l’omertà su un argomento e se ho contribuito a salvare anche una sola persona, il mio è stato un lavoro prezioso».

“Attenti, la Blue Whale sta girando anche su WhatsApp”

«La blue whale sta girando anche su WhatsApp non è uno scherzo, se vi contatta e vi esce una chat con scritto “Blue Whale” non rispondete perché basta una sola parola e ti minacceranno e assilleranno fin quando non starete al gioco e vi blocca scheda e cellulare ma se non risponderete vi lascerà in pace… passate parola!!».

1488879698450.jpg--blue_whale__il_gioco_dell_orrore_degli_adolescenti__50_giorni_di_sfide_e_poi_il_suicidio_

È il messaggio diffuso in queste ore, che rimbalza da uno smartphone all’altro. La paura, dopo i tragici episodi denunciati dai media, ora corre sulla linea telefonica. «State attenti! Sta girando un video che mostra uno sfondo completamente nero,non apritelo per nessuna ragione! Dietro quell’video c’è un signore di cui non si sa ancora bene,che spia dalla videocamera del telefono! Passatelo a tutti i contatti!». Al momento, di tutto ciò non ci sono riscontri.

Blue Whale, servizio choc delle Iene. Il gioco dell’orrore ha ucciso 157 ragazzi (e forse è già in Italia)

Blue Whale, il gioco del suicidio ha un solo obiettivo, la morte. Un “challenge” macabro che ha sconvolto gli spettatori de “Le Iene” nella puntata del 14 maggio mettendoli di fronte a una realtà che coinvolge ragazzi sempre più giovani attraverso regole dettate da sconosciuti tramite i social network.

2440842_1818_blue_whale_servizio_leiene (1)

Così come le balene azzurre, per morire, decidono di suicidarsi arenandosi sulla spiaggia, così anche gli adolescenti, sobillati da veri e propri criminali presenti sui social, decidono di accettare 50 sfide, sempre più estreme, che li trasformano e li portano fino alla depressione. Se la regola generale è quella di non dire nulla ai genitori, pena pesanti ritorsioni sui propri cari, l’ultima sfida, quella finale, è il suicidio, ovviamente facendosi riprendere in video dagli amici per poter avere una testimonianza.
Anche ‘Le Iene’ si sono interessate al fenomeno e Matteo Viviani si è recato in Russia, dove i casi di suicidi tra adolescenti che avevano partecipato a questo ‘gioco’ social hanno raggiunto picchi difficilmente immaginabili e comprensibili. Diverse indagini hanno portato all’arresto di un 22enne studente di psicologia, ritenuto l’ideatore del ‘gioco’. Tra le vittime, centinaia di bambini e ragazzi di età compresa tra i nove e i 16 anni.
La ‘Iena’ ha deciso di intervistare le mamme e i parenti di alcune adolescenti che, per salire al terzo livello del ‘Blue Whale’, si sono lanciate nel vuoto dai tetti di vari edifici e grattacieli. «Sembravano tranquille, anche il giorno in cui hanno deciso di suicidarsi hanno fatto quello che facevano tutte le mattine» – spiegano in lacrime alcune mamme – «Ci sono persone che garantiscono ai ragazzi di ‘salvarli’ dai problemi che li affliggono, ma i nostri figli non soffrivano di depressione, erano giovani, solari e pieni di vita. Partecipare a quel ‘gioco’ li ha cambiati e portati alla morte».
Il macabro gioco della balena blu si è già diffuso a macchia d’olio: dalla Russia ha raggiunto il Brasile, ma anche Francia e Inghilterra. In Italia, il caso di un ragazzino suicida a Livorno che si è lanciato nel vuoto dal 26° piano del grattacielo cittadino, fa temere che la Blue Whale sia arrivata anche qui: Matteo Viviani ha intervistato un compagno di classe del 15enne, che ha raccontato di come l’amico fosse apparentemente non intenzionato a togliersi la vita, ma che raccontava di avere abitudini strane, come andare a correre in piena notte, e l’abitudine di guardare film dell’orrore per adempiere a delle “missioni” dettate dalle regole di un gioco online.
Il pericolo è tangibile e da non sottovalutare: nella sola Russia sono 157 i ragazzini morti suicida nell’ultimo anno. E’ molto importante utilizzare computer e social network in compagnia dei prorpi figli, e fare attenzione a segnali che sembrerebbero trascurabili, come la scoperta di disegni di balene tra i quaderni dei ragazzini.

Simona Ventura: “Con Selfie mi rimetto in gioco”

Le sfide non sono mai state un problema per Simona Ventura, che riparte in prima serata su Italia 1 con “Selfie – Le cose cambiano”. Al centro del programma persone comune, brutti anatroccoli che stravolgeranno look e abitudini per rinascere come splendidi cigni.

simona-ventura-isola-dei-famosi-2016

E la Ventura di rinascite se ne intende. “La mia vita sembra un romanzo, c’è sempre qualche ostacolo da affrontare” ha confessato a ‘Tv Sorrisi e Canzoni’.
“Con l’età i momenti in cui vengo attaccata sono quelli che mi fanno tirare fuori la grinta. Se mi odiano divento ancora più forte” ha svelato Simona, che con gli anni ha fortificato il carattere grazie “ai tanti momenti difficili che mi hanno fatto diventare così. Ci sono eventi che ti rafforzano o ti fanno crollare”.
Uno degli ultimi momenti di sconforto l’ha vissuto sull’Isola dei Famosi ma “ho iniziato un percorso che mi ha fatto tornare a essere una persona piena di entusiasmo. Volevano farmi del male, ma mi hanno fatto del bene. Tante volte sono ripartita da zero, se avessi avuto paura di ricominciare non avrei lavorato per quasi 30 anni”.
“Selfie – Le cose cambiano” affronterà anche il tema della chirurgia estetica: “Non ci vedo niente di male, soprattutto per noi che lavoriamo con l’immagine. Non avevo un bel naso e temevo potesse essere un ostacolo. il seno, invece, è stato un gesto di ribellione di cui mi sono pentita”.

Ilary Blasi e Francesco Totti vacanza litigarella a Porto Cervo: lei lo sgrida, lui fa spallucce

Prima della ripresa dei rispettivi impegni sul campo da gioco e in tv con la conduzione del Grande Fratello vip, Francesco Totti e Ilary Blasi si sono presi un periodo di relax a Porto Cervo lasciando i due figli a casa per una romantica luna di miele.

ilary-blasi-e-francesco-totti_08164105

Qualcosa però nell’idillio, come dimostrano le foto pubblicate da “Nuovo” deve essere andato storto e fra i due scoppia una piccola discussione, con Ilary che sgrida il marito che fa spallucce…

Elisabetta Canalis, super scatenata con la piccola Skyler Eva

Sul divano di casa mamma e figlia si scatenano a più non posso. Elisabetta Canalis, super sexy in shorts e canottiera scollata, e Skyler Eva, la sua piccola “tigrotta”, si divertono con grande complicità. “#Sundaymorning con #tigretta #homeswethome”, scrive l’ex velina su Instagram mostrando una sequenza di scatti in cui sorregge la piccola che prova a stare dritta sulle sue gambine.

C_2_fotogallery_3001765_0_image

Una caduta sul morbido cuscino, tante risate… e il gioco ricomincia. Domenica mattina in famiglia per la bellissima Eli che, regala un siparietto divertente con la sua bambina. Nessun giochino a intrattenere la piccola, ma solo il sorriso e le braccia della sua mamma che con immenso amore, inginocchiata di fronte a lei, la sostiene con premura. A nove mesi Skyler Eva sta iniziando a far leva sulle sue gambette quasi pronte a muovere i primi passi. Al momento però le prove si fanno senza pericoli sul divano. Poi un veloce cambio d’abito per le donne di casa per un brunch con una vista mozzafiato.

Radice di mezzo metro come sex toy, un uomo rischia la vita

Un gioco sessuale rischia di finire in tragedia per un 55enne della Costa Rica. L’uomo ha provato ad utilizzare una radice di tapioca come sex toy finendo per essere operato d’urgenza.Secondo quanto riporta il Daily Mail l’uomo è stato sottoposto a un intervento presso l’ospedale San Juan de Dios, nella capitale San Jose, dove i chirurghi hanno estratto una radice di circa mezzo metro dal suo retto.

sesso (1)

L’uomo avrebbe intagliato il tubero, fino a fargli assumere una forma fallica, procedendo poi con una pericolosa pratica autoerotica. Qualcosa però è andato storto, uno dei due preservativi, usato per ricoprire la tapioca, si è rotto ed è rimasto incastrato nel retto. L’uomo è stato operato ed è stata necessaria la ricostruzione della parte finale del suo intestino; ma i medici sostengono che è stato molto fortunato, una perforazione dello stesso retto, infatti, avrebbe potuto ucciderlo.

Gioca ai videogame e vince un mese con la pornostar, ma la madre non è contenta

Passare intere giornate davanti ai videogame e spendere molti soldi per gli accessori di gioco non sempre è così deleterio come potrebbe sembrare. Ne sa qualcosa Ruslan Schedrin, 16enne di Mosca decisamente appassionato di videogiochi e vincitore di un premio decisamente invidiabile: essendo stato il cliente numero 100 mila di un sito specializzato nella vendita di armi virtuali, il ragazzo ha ottenuto il diritto a passare un mese di convivenza in hotel con la 25enne pornostar Ekaterina Makarova, solo omonima della più famosa tennista.

1571142_ruslan

Lo riportano, tra gli altri, il Daily Mail, RaiNews, Dialog.ua e Naij.com.  Ruslan ha già incontrato Ekaterina, e ovviamente ne è rimasto entusiasta. Sua madre però non è della stessa idea: «Tutto questo è assurdo, mio figlio quest’anno ha gli esami e già studia poco, preso com’è dai videogiochi. Preferirei che ci consegnassero un premio in denaro». Il figlio, però, non vuole saperne: ogni mattina viene accompagnato a scuola da Ekaterina, che torna a prenderlo alla fine delle lezioni e con cui trascorre le giornate non solo in hotel, ma anche al cinema e a teatro. Intanto, però, si è scatenato il caso: nonostante la famiglia di Ruslan dichiari che il ragazzo ha 16 anni (limite d’età previsto per il sesso consenziente ai termini di legge), per l’anagrafe ufficiale russa ne avrebbe solo 14.

Il selfie di una donna con le giovani figlie: chi è la madre? La foto manda in tilt il web

Sta facendo impazzire il web uno scatto che ritrae tre belle ragazze di Indianapolis: due sorelle gemelle e la loro mamma che posano per un selfie in auto.

1531824_0160205_114947_nj

Una foto che ha creato scalpore in quanto le tre sembrano identiche, tanto che risulta difficile scoprire quale sia la mamma. Su Twitter l’immagine è stata retwittata più di 30mila volte, diventando un gioco social in cui gli utenti provavano ad identificare mamma e figlie. Un gioco non molto semplici, ma in cui qualcuno ha indovinato: la mamma è quella a sinistra.