Guendalina Canessa: “Mi trasferisco”. Poi la frecciatina: “Allontanato energie negative”

MILANO – “È stata un’estate incredibile”. Guendalina Canessa annuncia il trasferimento a Bologna con il fidanzato Pietro Aradori: “ho viaggiato, conosciuto un sacco di persone – ha scritto sul social – ho ritrovato l’amore della mia vita”.

21314655_341530626270583_6409056149362514440_n (1)

Il post non manca una frecciatina alle persone della sua vita passata: “Ho allontanato energie negative del passato, e grazie a una persona speciale che poi vi dirò abbiamo trovato la casa dei nostri sogni a Bologna?????? in più sto guardando la partita della nazionale di basket con un @pietroaradori4 Sensazionale!!! Che grinta, che cuore, che talento!! Scusate ma non trattengo la mia felicità ???? #chiedimisesonofelice”.

Angela, 23, si innamora di un uomo più vecchio di suo padre: “Sesso incredibile”

È amore a prima vista tra Angela Di Pasquo, 23 anni, e il 62enne Joe Leon, di ben 39 anni più grande. I due, che lavorano come attori, si sono incontrati sul set di un film poliziesco e lì è scattata la scintilla. “Facciamo del sesso incredibile”, commenta Angela.Come riporta il Mirror, fin da subito la ragazza perde la testa per quell’uomo così affascinante e protettivo.

1621277_angela2“Sullo schermo – spiega la giovane – lui interpretava un agente dell’Fbi e io una vittima di omicidio. Dal momento che dovevo fare molte acrobazie, lui chiese dei tappetini alla produzione affinché io non mi facessi male”. Ed è subito amore. “Dopo qualche giorno – continua – abbiamo trascorso un week end insieme a fare sesso, è stato stupendo. All’epoca io avevo 21 anni ed ero inesperta, ma sono rimasta davvero soddisfatta”. Da allora non si sono più fermati. “Continuiamo a fare tantissimo sesso, nonostante Joe sia più grande di mio padre, che ha 59 anni, e io sia più piccola di sua figlia di 3 anni”. Nel corso della storia d’amore però non mancano gli imprevisti. “Accade spesso che ci scambino per padre e figlia, ma ormai ci siamo abituati”. Angela e Joe hanno fondato un loro canale Youtube in cui danno consigli alle coppie con grande differenza d’età. “Non sappiamo se avremo figli – conclude Angela – ma siamo felici”.

L’ex mafioso 60enne sposa la fidanzatina di 19 anni. E ha anche un’altra moglie

Ha lavorato per anni per il recupero crediti di alcuni boss mafiosi dell’Ohio, e la malavita lo ha portato fino al carcere. Qui, però, la lettura della Bibbia lo ha illuminato e, una volta uscito, è diventato pastore della comunità di Mansfield. Se la storia di Thom Miller, 60 anni, non vi ha entusiasmato fino a questo momento, preparatevi a leggere l’ultima, incredibile tappa della sua vita.

20151201_112231_thom_miller_polygamist_0136

L’uomo, infatti, è sposato da sette anni con Belinda, 44 anni, ma non disdegna la poligamia, avendo iniziato a frequentare, col permesso della moglie, anche una ragazza di appena 19 anni, figlia di alcuni amici di vecchia data e incontrata di nuovo per caso dopo molto tempo. Lo riporta il Mirror.
«Quando frequentavamo la stessa comunità, Reba era una bimba, poi i genitori si trasferirono» – racconta Thom – «Io e Belinda l’abbiamo poi rivista ad un mercatino di beneficenza, ed era diventata una donna. Da allora ho iniziato a frequentarla». All’improvviso, però, la giovane Reba si scopre incinta, e a questo punto le mire poligame di Thom si sono allargate. L’uomo ha deciso di sposare, sempre col consenso della prima moglie, anche la 19enne all’interno della propria chiesa. E ha costruito per le sue due donne una casa enorme, con un’ala per ciascuna.
«All’inizio i miei non erano d’accordo sul fatto che frequentassi un uomo sposato e così più grande di me» – spiega la ragazza – «Poi hanno capito che ero felice così e lo hanno accettato. Con Belinda stiamo cercando di gestire la gelosia, impareremo». Il pastore, felicissimo della nuova vita, passa tre notti con una moglie e tre con l’altra. E non si cura dello sdegno dei fedeli scandalizzati: «Non c’è niente di male nella poligamia, è più grave il matrimonio omosessuale, eppure qui è consentito dalla legge. Siamo in America, il paese della libertà, e io e le mie due mogli abbiamo il diritto di decidere come vivere».