Ricatto a luci rosse. Presa a Venezia Kiran Matharoo, la Kardashian indo-canadese

VENEZIA – (A.Pe.) L’ultima foto su Instagram è datata 20 settembre e la ritrae sdraiata a bordo piscina, abito nude look e tacchi a spillo, borsetta griffata e posa languida.
L’ultimo post prima dello sbarco e soprattutto delle manette: mercoledì della scorsa settimana Kiran Matharoo è stata arrestata all’aeroporto Marco Polo di Venezia, in esecuzione di un mandato di cattura internazionale, spiccato nei confronti suoi e della sorella Jyoti, «le Kardashian indo-canadesi».

miran-and-jyoti-matharoo

Procaci ed esibizioniste, nonché socialite quanto basta per venire accostate alla celebre famiglia armeno-statunitense, le due sono protagoniste di un intrigo intercontinentale imperniato su un maxi-ricatto a luci rosse.
LE ACCUSE
Fa dunque clamorosamente tappa in Veneto una vicenda che lo scorso anno aveva compiuto il giro del mondo. Verso la fine di dicembre, infatti, Kiran e Jyoti erano state incarcerate in Nigeria, con l’accusa di aver minacciato tramite filmati hard ben 274 uomini con cui sarebbero andate a letto: se le vittime non avessero pagato ingenti somme di denaro, quelle notti bollenti sarebbero state rese pubbliche su un sito web. Nel mirino sarebbe finito anche il petroliere Femi Otedola, la cui ricchezza è stimata in 1,8 miliardi di dollari, che però le aveva inguaiate, denunciando tutto alla polizia. «Non siamo delle escort d’alto bordo, è tutto un complotto contro di noi», si erano difese le sorelle, che a Capodanno avevano ottenuto la libertà provvisoria, in attesa del processo fissato a Laos per il 26 gennaio.

Grande Fratello Vip, Valeria e Stefano a letto in manette

Il “Grande Fratello Vip” questa settimana ha una missione particolare per Stefano Bettarini: l’ex calciatore deve ammanettarsi a Valeria Marini. Dopo le tensioni degli ultimi giorni, i due saranno obbligati a vivere a strettissimo contatto e a risolvere i loro problemi.

C_2_articolo_3039853_upiImagepp

La ‘terapia’ sembra funzionare, la coppia si sdraia a letto insieme per rilassarsi un po’ e tra una chiacchiera e l’altra ritrova la complicità.
La diva e l’ex calciatore sono riusciti a trovare il giusto equilibrio per portare avanti la missione fino alla fine. Stefano e Valeria si sono goduti un momento di relax nella stanza degli ospiti, sdraiati uno vicino all’altro. Entrambi in finale, hanno ripercorso i momenti salienti della scorsa puntata e si sono interrogati sulle sorprese che li attendono nella puntata conclusiva.

Molesta l’infermiera in ospedale, 57enne in manette: “Mi piaceva troppo”

Un 57enne di Austis, Bruno Cocco, è stato arrestato per violenza sessuale dopo aver molestato ripetutamente un’infermiera, da cui si era fatto visitare con un finto pretesto, prima di indirizzare le attenzioni sulla donna. L’episodio è avvenuto trenta minuti dopo mezzanotte all’interno dell’ospedale San Camillo di Sorgono.

ragazze-russe-indagine-ad-ultrasuoni-foto-hh_dp6312896

Il 57enne era entrato in pronto soccorso per una visita medica, cosa che faceva spesso. Dopo un primo consulto i medici lo hanno invitato ad andarsene, ma lui ha rifiutato. Da qui è partita una lunga e accesa discussione culminata con l’intervento dei carabinieri. Approfittando del momento di confusione, l’uomo avrebbe toccato il seno all’infermiera di turno al pronto soccorso continuando poi a molestarla. I carabinieri della Stazione di Tonara sono arrivati sul posto procedendo all’arresto. Con i militari il 57enne, già trasferito nel carcere di Massama, si è giustificato dicendo: «Era una bella donna, mi piaceva troppo».

Ragazzina di 15 anni costretta a prostituirsi con 6 uomini al giorno: in manette due 19enni

Due 19enni sono stati arrestati a Dallas per aver rapito e tenuto prigioniere a dicembre una 15enne e un’altra persona (di cui non è stata resa nota l’identità) facendole prostituire per due settimane con sei uomini al giorno. Contattate tramite Facebook, le due sono state invitate a un appuntamento che si è rivelato una trappola e le ha fatte precipitare in un incubo che si è spezzato solo quando la ragazzina è riuscita a fuggire e ad avvertire la polizia.

prostituta

Gli investigatori, in una casa sulla N. Patton Avenue, hanno trovato non solo i riscontri delle violenze sessuali raccontate dalla 15enne, ma anche prove evidenti di traffico di esseri umani. Ora, dopo indagini e ricerche, sono finalmente riusciti a mettere le mani sui due aguzzini: Mike Osorio e Rafael Rodas sono stati arrestati e sbattuti in carcere. Il primo è accusato di violenza sessuale su minori, traffico di minorenni, prostituzione minorile e criminalità organizzata, con una cauzione di 150mila dollari per ogni accusa. Rodas è accusato di traffico di minorenni, prostituzione minorile e criminalità organizzata, con una cauzione di 35mila dollari per ogni accusa.  «Siamo preoccupati per il fatto che possano esserci altre vittime di quei due e della loro organizzazione» ha detto il vicecapo della polizia di Dallas, Rob Sherwin, invitando chiunque abbia avuto problemi con gli arrestati, soprattutto le ragazze, a farsi avanti e a contattare la polizia. «Molti – continua Sherwin – frequentano i social media credendo che le persone raccontino sul web quello che realmente sono e si presentino onestamente, ma molto spesso non è così. I “predatori”, ovviamente,si dipingono come non sono per attirare a sé altre persone. E in questo caso a essere adescata è stata una ragazzina».

Uccide il figlio di 7 anni e lo dà in pasto ai maiali. Il papà in manette, choc a Kansas City

Michael Jones, 44 anni, è stato arrestato a Kansas City per aver ucciso e dato in pasto ai maiali il figlio di 7 anni.

20151129_112091_Michael-Jones

L’accusa, come racconta Wsfa.com, arriva dai vicini da sempre sospettosi nei confronti della famiglia dell’uomo già finito nei guai per aver sparato alla moglie 29enne Heather Jones. La polizia ha iniziato a indagare dopo la segnalazione dell’assenza di uno degli otto figli della coppia. Il corpicino del bimbo di 7 anni, Jones, in decomposizione e ancora da identificare, sarebbe stato trovato sotterrato nel giardino nel retro della casa, dove l’uomo tiene i suoi maiali.”La loro casa era sporca, orribile – racconta una testimone rimasta anonima – I bambini vivevano nella sporcizia. Spazzatura ovunque e cibo secco in tutta la casa”.