Jessica, la compagna di Milik, e la sexy spallina del costume a Capri

Il costume, intero e castigato ma con un’elegante spallina nera in tessuto più da sera che da mare, sarebbe bastato a colpire l’occhio delle migliaia di follower di Jessica Ziolek. Ma la giovane lady Milik, attaccante del Napoli, che se lo può permettere visto il fisico da indossatrice, ha osato di più e con la storia postata su Instagram ha senz’altro conquistato anche l’attenzione dei rappresentanti del sesso forte.

2574964_0024_img_4905 (1)

Al largo di Capri, appoggiata sulla prua di uno yacht, la compagna di Arek Milik si è divertita infatti a farsi riprendere in una serie di foto hote, soprattutto, in un video in cui si vede chiaramente scivolare fino al massimo consentito la suddetta spallina, con un risultato decisamente sexy.
Ma niente paura: quello di Jessica è solo un gioco, e la sequenza foto – video della storia del giorno s’interrompe infatti con un casto e solare sorriso della sua protagonista, lo stesso che ha stregato l’azzurro.

Video hard di una 14enne finisce nel WhatsApp degli amici e diventa virale

NAPOLI – I carabinieri sono stati chiamati a indagare su un video hard diffuso su Whatsapp che mostra una ragazzina di 14 anni mentre si masturba. I filmati sono diventati virali tra i compagni di classe e di scuola a Napoli.

20131029_sesso_minori_cellulare

La ragazzina si è subito pentita e ha raccontato tutto ai genitori, mentre i militari stanno comunque verificando se i filmati siano stati pubblicati da qualcuno anche su internet. Della vicenda si sta occupando anche il Tribunale dei Minorenni di Napoli. Al momento non ci sarebbero indagati, ma nel mirino degli inquirenti sarebbero finiti cinque o sei minorenni, studenti delle medie e delle superiori, quelli che hanno condiviso per primi il filmato di circa tre minuti e le foto hot. Ma sembrerebbe che siano molti di più i ragazzi che sui loro smartphone hanno salvato e successivamente condiviso le immagini di quella ragazzina alta, mora e dall’aspetto molto più grande della sua reale età. Al momento pare che le condivisioni a catena siano avvenute solo tra coetanei o ragazzini poco più grandi della quattordicenne. Sarebbe stato proprio quel tam tam a mettere in allarme e in apprensione i familiari della teenager, che tra le lacrime ha confessato la sua sciocca bravata.

Sarah Nile, relax da sogno in Thailandia

La modella ed ex gieffina Sarah Nile fa impazzire il web e rende l’estate ancora più rovente.

sarah nile

La trentenne napoletana, infatti, sta passando le vacanze in Thailandia e su Instagram ha pubblicato un video in cui si rilassa nelle strutture di un resort di lusso. Le forme perfette hanno mandato in tilt il web, con oltre mille visualizzazioni all’ora.

Tatangelo-D’Alessio, è crisi: “Riavvicinamenti con l’ex e la “trasformazione” della cantante”

Quella fra Anna Tatangelo e Gigi D’Alessio è una storia d’amore che dura da oltre dieci anni e ha visto la nascita dal loro primo figlio, il piccolo Andrea. La relazione però sembra essere entrata in crisi, come svela “Diva edonna”: “Chi li conosce – scrive la rivista – sostiene che non sono mai stati così lontani e che l’addio sarebbe ormai decisivo.

tatangelo-dalessio-casa-insieme-645

La verità sulla gelosia di Gigi e il riavvicinamento, a sorpresa dell’ex moglie; la sexy metamorfosi di Anna, che somiglia sempre più a Belen”. Molto sarebbe accaduto durante il mega concerto di D’Alessio che si è tenuto a Napoli, allo stadio San Paolo:“ E sugli spalti – continuano le indiscrezioni – a sorpresa, c’è anche la sua ex moglie Carmela Barbato e dopo tante tensioni ora fra i due non è più gelo. Anzi … Chi li ha visti insieme parla addirittura di un certo affiatamento. Forse normale per due persone che hanno condiviso tanto e che sono genitori, ma non così scontato dopo le tormentate vicende sentimentali che li hanno divisi.  E Anna? Durante il concerto a un certo punto è salita sul palco, con Gigi, ma poi… Non avrebbe partecipato alla festa dopo lo show e verso le tre del mattino eccola riprendersi col cellulare, sul lungomare di Napoli. Tornando in hotel, senza Gigi, ride e scherza con gli amici: «Non abbiamo bevuto!». Accanto a lei anche un uomo, Jacopo, che riprende più volte nel video e con cui sembra in confidenza. Poi spuntano delle fan e la domanda inevitabile: “Ma Gigi dove sta?”. È una Tatangelo più ragazzina e questo non sorprende chi conosce la sua “trasformazione”…”

Arriva Fabrizio Corona e i fan vanno in delirio: “Quest’estate lo “scontro” con Belen Rodriguez e De Martino”

Fabrizio Corona e Le Donatella ospiti di un evento a Napoli. Si scatena il delirio quando l’ex re dei paparazzi fa la sua comparsa, stavolta accompagnato dal duo musicale de Le Donatelle, che conta anche la presenza di Silvia Provvedi, attuale fidanzata di Corona.

01-00315485000018

E quest’estate Fabrizio con la fidanzata potrebbero “incrociare” la ex, Belen, col ritrovato marito Stefano de Martino: “Si fa sempre più seria la storia tra Fabrizio Corona e Silvia Provvedi del duo Le Donatella – fa sapere “Chi” –  Corona ha chiesto un permesso speciale per poter trascorrere le vacanze estive con la sua amata a Ibiza, dove ci saranno anche Belen Rodríguez e Stefano De Martino”.

Belen Rodriguez stupisce Napoli: sul palco del concerto di Tony Colombo con la sorella Cecilia

La strana coppia formata da Tony Colombo e Belen Rodriguez era già apparso sui cartelloni pubblicitari a Napoli annunciando il concerto del cantante neomelodico.

NAPOLI - BELEN AL CONCERTO DI TONY COLOMBO

Le promesse sono state mantenute e durante l’esibizione di Colombo al Palapartenope è intervenuta sul palco la showgirl argentina, accompagnata dalla sorella Cecilia.Tony Colombo ha diversi album alle spalle, avendo iniziato la carriera a otto anni, ma il successo nazionale è arrivato con la sua partecipazione al talent danzerino di Milly Carlucci, “Ballando con le stelle”.

Lutto nel giornalismo, è morta Francesca Pilla

C’è sempre un momento in cui – senza retorica – si desidererebbe essere in un altro posto per evitare di scrivere una notizia che mai e poi mai dovrebbe giungere. Peggio se poi la notizia, quasi di nascosto, appare in uno dei post di Facebook, al quale si dà sempre un occhio, tra un controllo dei take di agenzia e il «giro di telefonate di nera».

13240090_855705377868737_1548630303245947158_n16

E si sbatte contro la tremenda realtà della morte di una collega, un’amica, Francesca Pilla, e i ricordi cercano spazio nel grigiore della realtà, confermata, ricomunica Tornano i ricordi degli anni nei quali con Francesca, si sono condivisi momenti sereni, e poi di ansia; la prima “redazione” al quotidiano «Verità»; e, ancora, nuova ansia mista alla speranza di fare il «salto»: sai sto collaborando con Manifesto… l’assunzione, corrispondente, la gioia di poter raccontare «Napoli oltre Napoli» con Metrovie; la tristezza per la fine si una “storia. E, finalmente poi la gioia incontenibile per l’arrivo di Alessandra: la comunicò a Roma, in via Caetani, un luogo che resta un mausoleo di ricordi indelebili. L’ultimo incontro a Napoli, con la sua inseparabile Alessandra. Lo sguardo un po’ stanco: «Ho qualche problema di salute, ma si risolverà». L’ultima uscita pubblica alla presentazione del libro di Luigi De Magistris. Poi più nulla: sarebbe stato bello e produttivo confrontarsi su temi a lei cari, dove traspariva tutta la sua sincera e genuina militanza politica. Finiti anche gli incontri romani, o quelli napoletani, zona san Pietro a Majella. Nulla, fino ad oggi. E si capisce che quel “problema di salute” era molto di più di un problema, che Francesca ha saputo contenere, controllare, ma fino a un certo punto. Certo restano i ricordi di quanti l’hanno conosciuta, apprezzata. E resta per tutti noi quello splendido sorriso schietto e sincero.
L’abbraccio di tutta la redazione del Mattino
m.cer. L’ultimo saluto a Francesca domani, alle 12.00, nella chiesa dei Salesiani al Vomero, in via Scarlatti – Napoli

Napoli, Fabrizio Corona fermato in auto a Secondigliano con un amico che aveva la patente scaduta

L’episodio è accaduto ieri pomeriggio a Secondigliano: Fabrizio Corona, il fotografo finito sotto i riflettori delle cronache giudiziarie, è stato fermato dai carabinieri per un normale controllo mentre percorreva a bordo di una Fiat 500L guidata da un amico napoletano risultato poi non in regola perché conduceva l’automezzo con una patente di guida scaduta.

1739852-corona2

Nulla di irregolare: Corona, scarcerato di recente e sottoposto ad alcuni obblighi di legge dal Tribunale di Milano, ha dimostrato di trovarsi nel quartiere della periferia nord di Napoli per motivi di lavoro. Aveva appena partecipato all’inaugurazione di un locale a Chiaia e a una sfilata di moda per la promozione di una linea di abbigliamento a Scampia.

Marika Fruscio si è ridotta il seno: la foto sul web dopo l’operazione

Marika Fruscio, la tifosa super formosa del Napoli, ha ridotto il seno: si, avete capito bene. E’ proprio grazie al suo prorompente decolletè che la Fruscio ha costruito la sua fortuna, con siparietti a luci rosse e spogliarelli non adatti ai malati di cuore, nei quali pronosticava il risultato della sua squadra del cuore.

1638034_marika

Ora la Fruscio ha deciso di ridurre le sue curve e su Twitter ha postato una foto delle sue nuove misure: “Sto bene… grazie a tutti del vostro affetto”, cinguetta sul social network. Moltissimi utenti le fanno le augurano ‘buona fortuna’, ma in tanti sono curiosi di sapere le nuove taglie di Marika Fruscio, preoccupati di non poter assistere più ai suoi spettacoli hot. Ma ad un primo sguardo, facendo un’attenta analisi dell’immagine, possiamo dire che le curve ci sono ancora. Eccome se ci sono. Quindi niente paura: Marika Fruscio c’è, e con lei le sue famosissime forme.

X-Files a Napoli. “Un fantasma all’ex istituto dei pazzi”

Sembrava di assistere a una delle scene tratte da X-Files, la serie in voga negli anni ’90 incentrata sui casi di natura paranormale. Ma questa volta era tutto vero. Protagonista dell’avventura ai confini della realtà, un addetto alle pulizie che lavora presso l’Asl Napoli 1, nella zona Frullone che si trova nella parte collinare della città partenopea. Intorno alle sei del mattino, l’uomo ha varcato la soglia dell’Asl e si è diretto verso gli uffici della Direzione.

1560144_frullone1

Ma una volta raggiunto il piano si è trovato dinanzi a un fenomeno a dir poco inspiegabile. Dopo aver aperto la porta, nella stanza gli è apparsa una figura luminosa che fluttuava nell’aria, dall’alto verso il basso. Dinanzi a quell’immagine eterea e in movimento L’addetto alle pulizie è rimasto pietrificato.

1560144_frullone2

L’istinto era quello di scappare via e raccontare l’esperienza appena vissuta ai vigilantes che stavano al piano terra, ma poi ha pensato che nessuno gli avrebbe creduto e così ha preso lo smartphone e ha scattato una foto. Subito dopo è fuggito via per le scale e in pochi minuti ha raggiunto il gabbiotto della Security dove sono posizionate anche le telecamere della videosorveglianza. In preda al terrore e al panico, L’addetto alle pulizie ha raccontato alle guardie giurate la sua avventura paranormale, chiedendogli di poter rivedere il video registrato dal sistema di videosorveglianza.  Effettivamente, dopo poco, sugli schermi è comparsa quell’immagine in movimento: “È un fantasma”- hanno gridato senza ombra di dubbio i tre addetti alla sorveglianza e l’uomo delle pulizie. In breve la notizia ha fatto il giro in tutto l’edificio e dopo poco intorno alla struttura si è creato un capannello di curiosi. In molti hanno visionato il video che vi riproponiamo: la maggior parte è concorde che si tratti di un fantasma, per qualcun altro la figura eterea assomiglia a un arcangelo. Resta il fatto che sia lo smartphone che l’occhio delle telecamere hanno catturato l’immagine di questa figura di luce, in movimento.  Già in passato la struttura godeva di una fama sinistra: gli stessi vigilantes e il personale delle pulizie giurano che in alcune ore della notte si sentono grida strazianti e lamenti provenire dal buio dei corridoi e dal silenzio dei piani superiori. In ogni caso se è vero che nei luoghi vecchi e segnati resta, impressa come un’impronta, la traccia di un passato di dolore e sofferenza allora quella traccia è più che mai evidente al Frullone. La struttura, in un passato non troppo lontano, accoglieva sofferenti psichici, i cosiddetti pazzi, che vivevano reclusi dietro sbarre, in quelli che una volta venivano chiamati manicomi. Quegli edifici custodivano storie non sempre a lieto fine, ma che anzi raccontavano di suicidi e di morti violente. Chissà che una di queste anime in pena, libera dal suo corpo malato, non vaghi ancora per i corridoi e le stanze di questa struttura, in cerca della pace.