Nancy Brilli a Leggo: “Io, attrice per amore. Con Verdone il top, inseguo ancora il film della vita”

«Faccio questo lavoro per mancanza d’amore, è una falla che richiede quantità e l’affetto dei fan sui social mi fa sentire amata». Parla diritta al cuore Nancy Brilli, l’attrice romana da dopodomani nelle sale con Tiro libero, una storia di crescita e redenzione sul tema dello sport e della disabilità, firmata da Alessandro Valori.

382full-nancy-brilli

L’attrice ieri ospite nella redazione di Leggo in veste di direttore per un giorno sullo schermo è la mamma di Dario (Simone Riccioni), un ragazzo snob e arrogante, che dopo una dramma personale inizia ad allenare una squadra di basket formata da ragazzi disabili. Un episodio che lo porterà a crescere. Nel film, anche il cestista italiano Luca Vitali, l’ex campione Carlton Myers e l’allenatore Carlo Recalcati. «Mi sento madrina di questa pellicola spiega Brilli – Ho accettato di interpretare un cameo perché mi ha contagiato l’entusiasmo di Valori e Riccioni».
L’attrice, consacrata sul grande schermo da Compagni di scuola di Carlo Verdone, rivela: «In tv ho fatto tanto, ma al cinema il film della vita ancora deve arrivare. Ho 53 anni, un’età particolare, troppo giovane per interpretare un’anziana e troppo grande per fare la giovane. Ma vado fiera dei miei anni, mi sento bene in questa pelle». E quando le viene chiesto qual è il segreto della felicità risponde così: «Non so la felicità, ma il benessere si ottiene se riesci a stare qui e ora. Se sei presente a te stesso. Per questa ragione, tra le mie canzoni preferite c’è La vita è adesso di Claudio Baglioni».
Brilli, che nel 1987 ha raggiunto il successo al Sistina con Se il tempo fosse un gambero accanto a Enrico Montesano, oggi ha preso una pausa di riflessione dal teatro: «Sto pensando a fare qualcosa di diverso oltre all’attrice. Mi piacerebbe entrare nella produzione e accompagnare giovani talenti nel percorso attoriale».
Con i giornali ha dimestichezza – «Mi sono diplomata in grafica pubblicitaria e conosco l’impaginazione», ci racconta – mentre il ruolo di testimonial della Lazio fu solo un’occasione: «Non seguo il calcio, mi venne offerta l’opportunità e arrivò anche lo scudetto». Infine, Brilli ci rivela i suoi compagni di lavoro del cuore: «Sicuramente Massimo Ghini, me lo sono sposato! Poi anche Gigi Proietti e la scrittrice Margaret Mazzantini, con cui ho portato a teatro Manola».

Ha una relazione su Whatsapp, poi le minacce: “Pagami o invio le tue foto nuda a tuo marito”

La vicenda ha avuto inizio circa un anno fa. Una romana, tramite un gruppo “whatsapp” creato da alcuni tifosi di una squadra di calcio, ha conosciuto M.V., di anni 36 e il suo amico A.A., di anni 32, entrambi napoletani.

sesso-cellulare-1

La donna ha intrapreso con uno dei due una relazione “virtuale”, inviando sul profilo privato di questo, delle foto in cui compariva nuda. Dopo qualche tempo, sono iniziate le richieste di denaro da parte di M.V., il quale pretendeva ingenti somme, anche a cadenza settimanale, per non divulgare le immagini. E’ riuscito ad estorcere alla vittima, tramite bonifici bancari, già 12.000 euro, arrivando anche a molestarla insieme all’amico, anche sul posto di lavoro, con continue richieste di soldi. All’ennesimo episodio , la donna ha deciso di rivolgersi alla Polizia di Stato. Gli investigatori, appresa la vicenda, hanno organizzato un appostamento per seguire l’incontro con gli estorsori. I due sono stati fermati e arrestati dalla pattuglia del Reparto Volanti in flagranza di reato, per tentata estorsione aggravata.

Barcellona, incidente stradale con la sua Ferrari per Neymar

Neymar Jr. ha subito questa domenica mattina un leggero incidente stradale, per lui solo qualche graffio ed è stato in grado di viaggiare con il resto della squadra per San Sebastian.

2106498_neymar_ferrari_1.jpg.pagespeed.ce_.VOTyUjgqsk

A darne la notizia è stata TV3: la Ferrari 458 Spider guidata dal brasiliano ha avuto un incidente fuori dall’autostrada all’altezza di Sant Feliu, nel Baix Llobregat, mentre si dirigeva alla Ciutat Esportiva de Sant Joan Despi. Sempre secondo le informazioni di TV3 Neymar, che ha perso il controllo della vettura, ha subito alcuni graffi. La tanta acqua caduta nella notte a Barcellona potrebbe essere la causa per la quale il giocatore ha perso il controllo della vettura ed è andata nella direzione contraria.
Un periodo davvero no per Neymar, per il quale solo pochi giorni fa la procura spagnola ha chiesto una condanna a due anni di reclusione e una multa di circa 10 milioni nell’ambito di un’inchiesta per corruzione.

Fabio Cannavaro, acrobazie hot in barca

Ricomincia dalla Cina la nuova vita da allenatore di Fabio Cannavaro. Ma prima di partire l’ex campione del mondo si è concesso una gita in barca con la moglie Daniela e il settimanale Chi li ha pizzicati tra acrobazie hot e passione rovente al largo di Napoli.

C_2_fotogallery_3002513_0_image

L’ex calciatore, 42 anni, e la moglie, 41, sono sposati da vent’anni, ma qualche tempo fa hanno attraversato un periodo di crisi, da cui sono usciti più innamorati che mai. Eccoli infatti in barca scambiarsi tenerezze e coccole come due fidanzatini. Lui in boxer violetto e lei in due pezzi blu-viola, si stendono al sole e si avvinghiano in uno scambio appassionato e bollente di baci. Fabio Cannavaro è in partenza per la Cina, dove è stato chiamato ad allenare una squadra di seconda divisione.

Francesco Totti e Ilary Blasi, bacio a bordo campo

Seicento giorni in Seria A e undici anni d’amore. I numeri per Francesco Totti sono da record. Un record che lui festeggia in campo con la sua squadra, ma soprattutto a bordo campo con la moglie Ilary Blasi, sua fan più accanita, che gli scocca un bacio d’amore a favore di fotografi, tra gli applausi e la gioia del pubblico, dopo la fine di Roma-Chievo, ultima partita casalinga della stagione, che conferma la terza posizione in classifica dei giallorossi.

C_2_articolo_3007467_upiImagepp (1)

Un bacio, che vuole significare tante cose. Totti ha scritto tra le pagine più belle della storia della sua squadra proprio sul questo campo di calcio,all’Olimpico, ed è qui che adesso i fan in visibilio lo festeggiano inneggiando al loro Re. Lui non sa ancora se tornerà nella prossima stagione: “Ci vediamo…”, scherza coi giornalisti a fine partita”… ma non è certo né il dove né il quando. Quello che Totti sa è che sua mgolie Ilary, la sua fan più fedele, la sua Regina c’è, sempre, accanto a lui. E quel bacio suggella un amore che il Pupone ci tiene a mostrare a tutti. In campo non si sa cosa succederà nel futuro. A bordo campo però sì, la sua famiglia resta il suo bene più prezioso.

Totti e il caso Spalletti: “Ilary la mia fortuna, mi fa stare tranquillo”.Il bebè sarà un maschio

«Ilary è la mia fortuna. Mi aiuta a restare tranquillo». Così Francesco Totti ha commentato con il settimanale Chi, in edicola da domani, dopo le polemiche con l’allenatore Spalletti che hanno causato il suo allontanamento dalla squadra in occasione del match contro il Palermo.

Francesco-Totti-Ilary-Blasi-SPY-28-2013_470x305

Il capitano della Roma – sottolinea il settimanale che parla di frasi successive al ‘caso’ – dopo la sfida con la squadra di Iachini ha trascorso la serata in un celebre ristorante della capitale con gli amici di sempre, compreso il compagno di squadra Daniele De Rossi, che non ha giocato perché infortunato, e con la moglie Ilary all’ottavo mese di gravidanza. Secondo le indiscrezioni raccolte da ‘Chi’, la conduttrice sarebbe in attesa di un maschietto.

La baby trans 18enne diventa cheerleader: dai suoi compagni un gesto bellissimo

E’ la prima transgender a essere diventata una cheerleader in California, si chiama Anry Fuentes e ha 18 anni. Poche ragazze hanno fatto il suo stesso percorso negli Stati Uniti.La sua storia viene raccontata sul magazine People.

20151109_anri1-2

«Quando ho iniziato a provare per la squadra non pensavo ad essere la prima cheerleader transgender – ha raccontato – Volevo solo entrare nel team, ballare e divertirmi».  Anry, che frequenta la Denair High School di Denair, ha detto che da tempo non si sentiva come gli altri ragazzi. «Il primo anno alle superiori ho detto che ero gay, anche se non sapevo nemmeno cosa volesse dire», ha spiegato. «All’inizio del terzo anno, ho iniziato a fare delle ricerche – ha continuato – E mi sono chiesta sono davvero gay?. Mi sono detta, no, sono transgender. Anry si è dovuta allontanare da casa a causa dei conflitti con la madre sulla sua identità sessuale, ma ha avuto l’appoggio dell’allenatore e dei suoi compagni, che hanno raccolto 600 dollari per comprarle la divisa da ragazza pon-pon.