Strage di Latina, la tecnica usata dai medici per dire a mamma Antonietta che le figlie sono morte

La mamma di Cisterna di Latina, come spiegato da Barbara D’Urso a Pomeriggio 5, ha appreso del dramma in ospedale, dopo l’intervento, quando medici, familiari e psicologi insieme le hanno raccontato quello che è successo.

155930259-6b1c45eb-6ab8-4600-80bd-9d5aa6185b87_10094538

Alessia e Martina, le bimbe di 8 e 13 anni sono state uccise dal papà, il carabiniere Luigi Capasso, dopo che l’uomo ha gravemente ferito la mamma. Antonietta.
Barbara D’Urso legge in studio la modalità in cui è stato comunicato alla donna che le sue figlie non ci sono più. Antonietta è incapace di parlare, l’anestesista le ha spiegato le motivazioni della sua condizione e le ha ricordato l’aggressione subita, motivo per cui è ricoverata. La donna ha battuto le palpebre in segno di approvazione, facendo capire che ricordava l’episodio. In quello stesso momento il fratello e la cognata l’hanno salutata e le hanno detto di essere felici che stia bene e fuori pericolo. A quel punto è intervenuta una delle psicologhe che seguirà Antonietta in questi giorni e le ha detto che Alessia e Martina non ci sono più: «Antonietta chiude gli occhi per 2 minuti circa e con la mano sinistra stinge il lenzuolo del letto. I medici decidono di sedarla e lasciarla riposare».
LA TELEFONATA TRA LUIGI E ANTONIETTA In diretta viene riportata anche la registrazione di una telefonata tra Antonietta e Luigi durante la quale la donna dice chiaramente: «Ogni giorno chiedo loro (le figlie) se ti vogliono sentire o ti vogliono vedere, gli dico che le accompagno da te se vogliono che non ho problemi, ma loro non vogliono e mi dicono che non le devo scocciare con la mia insistenza». Luigi replica di volere un rapporto con le figlie e Antonietta dice che è d’accordo con lui che gli riconosce l’importanza della figura paterna, ma aggiunge: «Martina ha paura, non le va, loro devono fare un percorso. Lo so io quanto sono state male, quanto hanno sofferto. Io ora devo pensare alla mia serenità e alla loro».

LA TESTIMONIANZA DELL’AMICA l motivo di tanta paura è raccontato dalla migliore amica di Antonietta, intervistata sempre da Pomeriggio 5, che racconta la brutta aggressione che la Gargiulo ha subito dal marito lo scorso 3 settembre. Il carabiniere ha brutalmente picchiato l’ex moglie davanti alle bambine che hanno assistito alla scena del padre che strapava i capelli alla madre e la lasciava andare con il volto insanguinato. L’amica di Antonietta racconta di aver portato via con sé la donna e le piccole, poco dopo la Gargiulo ha deciso di procedere con la separazione.

Andrea Lehotska, il dramma dell’ex naufraga dell’Isola dei Famosi: “Ho rischiato di morire, oggi festeggio la nuova vita”

“Ho rischiato di morire. Mi avevano dato due giorni di vita”.
A parlare l’ex naufraga dell’Isola dei Famosi (edizione 2012) Andrea Lehotska, che racconta il grave malore che l’ha colpita il 20 ottobre scorso: “Sonò stata assalita da un’emicrania fulminante – ha raccontato a “Nuovo” – ho cominciato a vomitare e la febbre mi è salita a 41 gradi. A tratti perdevo conoscenza.

andrea-1000x600

I miei genitori hanno chiamato un’ambulanza che mi ha portata d’urgenza in ospedale. I medici non riuscivano a misurarmi la pressione perché era troppo bassa. I primi esami del sangue hanno confermato l’ultimo stadio della sepsi, ovvero l’infezione che aveva compromesso il regolare funzionamento dei miei reni”.
Grazie alle cure è migliorata e ora sta molto meglio, ma l’esperienza l’ha naturalmente cambiata: “Ho rallentato i miei ritmi e oggi tra le mie priorità c’è il riposo. Un tempo lavoravo giorno e notte, senza tregua, e alla fine ho pagato anni di eccessi! La malattia mi ha profondamente cambiata e a volte non mi riconosco: sono diventata molto emotiva ed è come se fosse uscita allo scoperto tutta la mia fragilità. Contro il parere dei medici sono volata su un’isola malese praticamente deserta per festeggiare il primo anniversario dell’inizio della mia malattia. Lo considero il mio nuovo compleanno, visto che da quel giorno è come se avessi cominciato una nuova vita”.

Il dramma segreto di Jeremias: “Non sono uscito di casa per 4 anni…”

ROMA – Jeremias Rodriguez torna a confidarsi con gli inquilini della Casa del Gf Vip e racconta di una parte della sua vita sconosciuta al grande pubblico: “Ecco il mio dramma segreto…”.

jeremias-gf-vip

Come riporta il sito ilGiornale, Jeremias prima di arrivare in Italia avrebbe avuto problemi di obesità, arrivando a pesare 114 chili e non sarebbe uscito di casa per 4 anni: “Era il mio modo per sfogarmi. Mi guardavo allo specchio e piangevo, non mi piacevo. Non volevo entrare in camera, quindi dormivo sul divano. Era una cosa orrenda per me. Sono felice di aver superato questa cosa. Mi sono sbloccato quando mi sono accettato, quando ho focalizzato il problema. Era l’unico modo per andare avanti”.
Oggi Jeremias è considerato un sex symbol. Il fratello di Belen si sarebbe sottoposto a un intervento chirurgico e avrebbe drasticamente modificato il suo regime alimentare.
Non è la prima volta che l’uomo di casa Rodriguez si lascia andare a rivelazioni sulla sua vita privata. La sorella Cecilia avrebbe anche parlato di un suo fidanzato…

Nancy Brilli a Leggo: “Io, attrice per amore. Con Verdone il top, inseguo ancora il film della vita”

«Faccio questo lavoro per mancanza d’amore, è una falla che richiede quantità e l’affetto dei fan sui social mi fa sentire amata». Parla diritta al cuore Nancy Brilli, l’attrice romana da dopodomani nelle sale con Tiro libero, una storia di crescita e redenzione sul tema dello sport e della disabilità, firmata da Alessandro Valori.

382full-nancy-brilli

L’attrice ieri ospite nella redazione di Leggo in veste di direttore per un giorno sullo schermo è la mamma di Dario (Simone Riccioni), un ragazzo snob e arrogante, che dopo una dramma personale inizia ad allenare una squadra di basket formata da ragazzi disabili. Un episodio che lo porterà a crescere. Nel film, anche il cestista italiano Luca Vitali, l’ex campione Carlton Myers e l’allenatore Carlo Recalcati. «Mi sento madrina di questa pellicola spiega Brilli – Ho accettato di interpretare un cameo perché mi ha contagiato l’entusiasmo di Valori e Riccioni».
L’attrice, consacrata sul grande schermo da Compagni di scuola di Carlo Verdone, rivela: «In tv ho fatto tanto, ma al cinema il film della vita ancora deve arrivare. Ho 53 anni, un’età particolare, troppo giovane per interpretare un’anziana e troppo grande per fare la giovane. Ma vado fiera dei miei anni, mi sento bene in questa pelle». E quando le viene chiesto qual è il segreto della felicità risponde così: «Non so la felicità, ma il benessere si ottiene se riesci a stare qui e ora. Se sei presente a te stesso. Per questa ragione, tra le mie canzoni preferite c’è La vita è adesso di Claudio Baglioni».
Brilli, che nel 1987 ha raggiunto il successo al Sistina con Se il tempo fosse un gambero accanto a Enrico Montesano, oggi ha preso una pausa di riflessione dal teatro: «Sto pensando a fare qualcosa di diverso oltre all’attrice. Mi piacerebbe entrare nella produzione e accompagnare giovani talenti nel percorso attoriale».
Con i giornali ha dimestichezza – «Mi sono diplomata in grafica pubblicitaria e conosco l’impaginazione», ci racconta – mentre il ruolo di testimonial della Lazio fu solo un’occasione: «Non seguo il calcio, mi venne offerta l’opportunità e arrivò anche lo scudetto». Infine, Brilli ci rivela i suoi compagni di lavoro del cuore: «Sicuramente Massimo Ghini, me lo sono sposato! Poi anche Gigi Proietti e la scrittrice Margaret Mazzantini, con cui ho portato a teatro Manola».

Rigopiano, il dramma di Giampaolo: “Ho tenuto mia moglie per mano, poi mi ha lasciato”

Mano nella mano con la moglie, Valentina Cicioni, fino a quando i vigili del fuoco lo hanno salvato. Lo ha raccontato ai suoi soccorritori Giampaolo Matrone l’ultimo dei superstiti arrivato poco dopo le 8 all’ospedale di Pescara.

2209546_rigopiano_combo_1

«Le stringevo la mano e le parlavo per tenerla sveglia perché volevo che rimanesse sempre vigile. La chiamavo, poi a un certo punto non l’ho sentita più e ho capito che mi stava lasciando». Vicino a lui, Matrone ha raccontato di un’altra donna che non dava segnali di vita.
Intanto si è conclusa l’operazione chirurgica su Matrone. L’operazione al giovane 34enne è durata poco più di un’ora e ora Giampaolo è stato ora trasferito nell’Unità Operativa di Rianimazione del «Santo Spirito». Le sue condizioni, come hanno riferito i medici, sono discrete.

Aida Yespica a Verissimo, il dramma del passato. Silvia Toffanin “Sei stata violentata?”

Aida Yespica, ormai da tempo lontana dalle scene, è tornata in tv ospite di Silvia Toffanin nel salotto di Verissimo. La showgirl, archiviata la sua relazione con Roger Jenkins, ha ritrovato l’amore grazie al nuovo fidanzato, Enrico Romeo, che l’ha spinta a trasferirsi negli Stati Uniti. Un periodo positivo per l’amore, tanto che ha detto di essere felice grazie al suo Romeo.

Verissimo-Aida-Yespica-560x560

Ma nell’intervista Aida si è aperta anche sul suo passato, sull’infanzia e sulla relazione con i genitori che ha molto condizionato il suo rapporto con gli uomini: “La relazione che mio padre ha avuto con mia madre non ha funzionato ed io ho avuto tanti problemi quando ero piccola. Il mio ex marito mi diceva: “Devi farti vedere perché tu odi gli uomini, devi rivedere il tuo passato”. Per questo adesso mi sto facendo vedere, lo sto facendo in America, voglio capire cosa c’è in me”.
Un’ammissione già molto personale, alla quale è seguito un momento in cui la showgirl davvero non è riuscita a trattenere una lacrima. La conduttrice, in relazione al suo passato, le ha chiesto se fosse stata violentata. La Yespica ha risposto così: “Ho un carattere molto forte, ho avuto molti problemi quando ero piccola. Sto con gli uomini ma di fronte a me c’è una parete. Non ne voglio parlare perché è un argomento che mi tocca […] Non l’ho mai raccontato, nessuno lo sa. Sono molto chiusa perché mi proteggo”.

Morta la figlia di Rossella, ex dama del trono di ‘Uomini e Donne’: aveva 27 anni

Un dramma gravissimo ha travolto l’ex dama dal trono over di ‘Uomini e Donne’, Rossella Tarantola: sua figlia di appena 27 anni, Margherita Aironi, è morta in seguito ad un incidente stradale.

14681809_1215935391799694_6818604748651940258_n

La notizia ha iniziato a circolare già dai giorni scorsi, quando su Canale 5 stava andando in onda il matrimonio di Rossella con Roberto Foppiani, conosciuto proprio nel programma Mediaset. La conferma del grave lutto è arrivato proprio da Rossella che ha risposto ai moltissimi messaggi di cordoglio scritti sul suo profilo Facebook. L’incidente sarebbe avvenuto a Milano, in via Ippocastani per la precisione: l’auto nella quale viaggiava Margherita avrebbe urtato frontalmente un’altra vettura e la ragazza sarebbe morta sul colpo.

Il dramma di Belen: “Persi un bimbo per la vergogna del video hard”

La storia di Tiziana Cantone continua a creare dibattito. In merito, questa volta, si è espressa Belen Rodriguez rispondendo ad una domanda sulla vicenda della donna suicida per un video hard, durante la presentazione di Striscia la Notizia, che condurrà, per una settimana, insieme a Michelle Hunziker.

90082_dietabelen (1)

«Quando ho sentito la notizia del suicidio di quella ragazza mi sono messa a piangere perché una cosa del genere è successa anche a me e so che violenza sia, per due mesi non uscivo di casa per la vergogna e persi un bambino». «Su di me girò un video che forse sono l’unica a non avere mai visto, ero molto giovane – ha raccontato ancora Belen – feci di tutto per bloccarlo ma non ci fu verso e quando mi trovai davanti a un giudice, donna, lei mi disse ‘chi mi dice che non lo abbia messo in giro proprio lei per farsi pubblicità?’». Sulla vicenda ha risposto anche Michelle Hunziker che è impegnata in una associazione a difesa delle donne. «Dico sempre alla mia figlia più grande e lo ripeto a tutti i ragazzi che devono stare molto attenti, con quello che diffondono sui social – detto Michelle – anche mia figlia fu vittima di un brutto scherzo».

LaTavia Roberson, ex delle Destiny’s Child lotta tra la vita e la morte: ecco cosa è successo

Lotta tra la vita e la morte LaTavia Roberson, ex cantante delle Destiny’s Child inisieme a Beyoncé. La cantautrice 34enne, come riporta la stampa locale, avrebbe avuto delle complicazioni legate alla sua gravidanza.

latavia2-kEC--673x320@IlSecoloXIXWEB

La cantante aveva annunciato di aspettare un altro bambino poco più di un mese fa e ora sembra che ci siano stati dei problemi che potrebbero costare la vita a lei e a suo figlio. L’ultima foto su Instagram ritrae LaTavia a bordo piscina serena con il suo pancione in bella mostra, nulla che potesse annunciare il dramma di poche ore dopo. Non si hanno maggiori informazioni sul suo stato di salute, se non, appunto, la criticità della situazione.

Rossella Brescia: “La mia storia con Luciano Cannito. Figlio? Lo voglio ancora a 44 anni, ma non è un dramma”

“Non potrei chiedere di più. Sono felice, serena, appagata”. A 44 anni Rossella Brescia fa un bilancio della sua vita sentimentale: “Luciano (Cannito) è un compagno meraviglioso. Dopo quasi dieci anni insieme – ha raccontato a “Vanity Fair” –  siamo innamorati come il primo giorno. La nostra è una relazione fondata su sincerità, rispetto, armonia e complicità. Parliamo di tutto, senza segreti, e ci abbandoniamo a tante sane risate. Inoltre, ci compensiamo: mentre io sono ipersensibile e tendente all’ansia, lui è solare e positivo”.

1630-2-foto_1630_2

Il matrimonio non le manca (“Non rientra nei nostri progetti. Non siamo sposati, ma è come se lo fossimo. Non ci manca neppure l’anello: quattro anni fa ci siamo regalati la fede!”), ma vorrebbe diventare mamma: “Lo desidero ancora, sogno di diventare mamma. Ma se non accadesse non ne farei un dramma”.  Dal punto di vista professionale invece vorrebbe un cambiamento: “Sì, anche se vorrei essere più spavalda. Per anni ho creduto che un atteggiamento riservato e discreto nella vita professionale aiutasse a emergere, ma mi sbagliavo. Con il senno di poi, avrei dovuto osare un po’ di più. Sul lavoro ho sempre una certa timidezza, mi manca quell’irruenza che aiuta a farsi notare”.