Strage di Latina, la tecnica usata dai medici per dire a mamma Antonietta che le figlie sono morte

La mamma di Cisterna di Latina, come spiegato da Barbara D’Urso a Pomeriggio 5, ha appreso del dramma in ospedale, dopo l’intervento, quando medici, familiari e psicologi insieme le hanno raccontato quello che è successo.

155930259-6b1c45eb-6ab8-4600-80bd-9d5aa6185b87_10094538

Alessia e Martina, le bimbe di 8 e 13 anni sono state uccise dal papà, il carabiniere Luigi Capasso, dopo che l’uomo ha gravemente ferito la mamma. Antonietta.
Barbara D’Urso legge in studio la modalità in cui è stato comunicato alla donna che le sue figlie non ci sono più. Antonietta è incapace di parlare, l’anestesista le ha spiegato le motivazioni della sua condizione e le ha ricordato l’aggressione subita, motivo per cui è ricoverata. La donna ha battuto le palpebre in segno di approvazione, facendo capire che ricordava l’episodio. In quello stesso momento il fratello e la cognata l’hanno salutata e le hanno detto di essere felici che stia bene e fuori pericolo. A quel punto è intervenuta una delle psicologhe che seguirà Antonietta in questi giorni e le ha detto che Alessia e Martina non ci sono più: «Antonietta chiude gli occhi per 2 minuti circa e con la mano sinistra stinge il lenzuolo del letto. I medici decidono di sedarla e lasciarla riposare».
LA TELEFONATA TRA LUIGI E ANTONIETTA In diretta viene riportata anche la registrazione di una telefonata tra Antonietta e Luigi durante la quale la donna dice chiaramente: «Ogni giorno chiedo loro (le figlie) se ti vogliono sentire o ti vogliono vedere, gli dico che le accompagno da te se vogliono che non ho problemi, ma loro non vogliono e mi dicono che non le devo scocciare con la mia insistenza». Luigi replica di volere un rapporto con le figlie e Antonietta dice che è d’accordo con lui che gli riconosce l’importanza della figura paterna, ma aggiunge: «Martina ha paura, non le va, loro devono fare un percorso. Lo so io quanto sono state male, quanto hanno sofferto. Io ora devo pensare alla mia serenità e alla loro».

LA TESTIMONIANZA DELL’AMICA l motivo di tanta paura è raccontato dalla migliore amica di Antonietta, intervistata sempre da Pomeriggio 5, che racconta la brutta aggressione che la Gargiulo ha subito dal marito lo scorso 3 settembre. Il carabiniere ha brutalmente picchiato l’ex moglie davanti alle bambine che hanno assistito alla scena del padre che strapava i capelli alla madre e la lasciava andare con il volto insanguinato. L’amica di Antonietta racconta di aver portato via con sé la donna e le piccole, poco dopo la Gargiulo ha deciso di procedere con la separazione.

“Buon compleanno, ovunque tu sia”, Romina fa gli auguri a Ylenia, scomparsa nel ’93

Ylenia Maria Sole Carrisi era la figlia primogenita di Al Bano e Romina Power. La sua morte presunta è stata dichiarata due anni fa, ma il suo corpo non è mai stato trovato. La sorella 29enne di Ylenia, Romina Carrisi, la ricorda su Instagram facendole gli auguri: “Happy Birthday Y, wherever you are. Noi siamo qui”. Parole accompagnate da una poesia.

C_4_articolo_2146611__ImageGallery__imageGalleryItem_24_image

Il corpo della ragazza non è mai stato ritrovato. Nel 2011, il fratello di Ylenia, Yari, intervistato dal giornalista Fabio Marchese Ragona per Canale 5, ha ipotizzato che la sorella possa essere ancora viva: “Non credo alle storie raccontate dai giornali, ma sono aperto, credo ancora che Ylenia possa essere in giro. Non credo per niente a quella storia che si sono inventati”. Un anno fa l’ultima vana ricerca del corpo della ragazza. Nel gennaio 2013 Al Bano ha presentato istanza di dichiarazione di morte presunta della figlia Ylenia. Romina Power si è dichiarata “profondamente amareggiata” da questa decisione dell’ex marito. La morte presunta di Ylenia Carrisi è stata infine dichiarata nel 2014 dal tribunale di Brindisi.

Chiede l’elemosina per mesi sulla strada: poi la scoperta degli abitanti del quartiere

Chiede l’elemosina sul ciglio della strada, poi si allontana con un’Audi dal valore di circa 70 mila euro. L’uomo è stato scoperto ed è andato alla polizia a denunciare le minacce di morte che ha ricevuto.  Il clochard era stato avvistato da alcuni passanti che avevano notato quanto accadeva ormai da qualche giorno.

mathhew-2

Matthew Brinton ha chiesto l’elemosina per anni a Newquay, in Cornovaglia, in compagnia del suo cane, mentre aveva partcheggiata un’Audi TT. Il 35enne ha ammesso di possedere la macchina dicendo però di averla ricevuta in eredità da sua nonna. Il video che lo ritrae salire in macchina è stato condiviso su Facebook e decine di utenti hanno commentato con rabbia. Matthew Brinton ha però detto di non avere accesso ad internet, di essere realmente povero e bisognoso. Molti lo hanno accusato e si sono detti traditi dopo avergli dato soldi o cibo o coperte. La polizia dice di credere al clochard. L’uomo pare abbia ricevuto una consistente eredità, sperperata in breve tempo: è realistico credere gli sia rimasta solo auto, probabilmente usata come alloggio e riparo per dormire.

Nina Moric e la folle gelosia verso la Buccino: la showgirl augura la morte a un suo fan

Scivolone per Nina Moric sui social. L’ex moglie di Fabrizio Corona ha insultato un suo fan, disabile, per aver essersi fatto una foto con Cristina Buccino: reo quindi di avergliela inviata per posta.

C_4_articolo_2061135__ImageGallery__imageGalleryItem_39_image

A denunciare lo scambio di battute velenose tra la showgirl e il giovane disabile è stata Selvaggia Lucarelli che ha riportato i print deli commenti.«C’è un ragazzino su una carrozzina. Si chiama Manuel Pecchenini. Manuel scrive spesso a ragazze note, chiede una foto, chiede attenzione, lo fa con simpatia e insomma, direi che sul web è molto più educato di tanti trogloditi che camminano sulle loro gambe. E poi insomma, se queste sono le piccole cose che lo rendono felice, non starei a giudicare. Ha scritto anche a Nina Moric. Lei inizialmente gli ha mandato messaggi affettuosi, poi non ho ben capito, pare che Manuel le abbia mandato una foto in cui era con la Buccino e Nina è andata su tutte le furie. Lui ha provato a chiederle scusa. Quello che Nina gli ha risposto, tra un augurio di morte e altre frasi simpatiche anche per la Buccino».
Queste sono state le parole di Selvaggia dopo aver notato l’astio della Moric. Nina ha rivolto accuse pesanti al ragazzo accusandolo di volersi far compatire dalla rete e di usare la sua invalidità come tramite, ha offeso in modo molto pesante la Buccino e alla fine ha anche augurato la morte al povero fan.