Selvaggia Lucarelli querela Alba Parietti e chiede 180 mila euro, la showgirl lancia un appello su Fb

Dagli scontri in diretta, alle battute sui social, fino alla querela. Le liti tra Alba Parietti e Selvaggia Lucarelli durante lo show “Ballando con le stelle” sono finite in tribunale con una querela da parte della giornalista e del suo compagno, il musicista Lorenzo Biagiotti.

2410039_1503_ballando1

Selvaggia ha querelato la Parietti per diffamazione, ad anticipare la bagarre legale è stata Dagospia, ma è stata poi confermata dalla showgirl su Facebook, che ha chiesto a tutti i suoi contatti di essere aiutata, con la registrazione di filmati del programma, per controquerelare la giornalista. Che tra le due non corresse buon sangue era evidente già dalle puntate del programma, soprattutto la finale quando la Lucarelli si è rifiutata di partecipare al programma dopo il mancato allontanamento della Parietti da parte della produzione.
La richiesta di risarcimento danni sarebbe pari a 180mila euro.

Da ‘Amici’ al tribunale, l’ex ballerina Marianna Scarci assolta: ecco cos’è successo

I più appassionati e storici spettatori dei programmi di Maria De Filippi ricorderanno sicuramente Marianna Scarci, 35enne ballerina comparsa nel lontano 2001 tra i concorrenti di ‘Saranno Famosi’, il talent che ha preceduto il successo di ‘Amici’.

marianna-scarci-ballerina-da-amici-alla-galera-3_05135225

La donna era finita nel mirino degli inquirenti in seguito a un’inchiesta del 2011, riguardante alcune infiltrazioni mafiose nell’economia locale. Lo stabilimento balneare Squalo Beach, a Scanzano Jonico (Matera), era risultato infatti intestato alla Scarci: in quell’occasione la struttura fu sequestrata e 11 persone arrestate. Rinviata a giudizio, Marianna Scarci era stata condannata a 22 mesi di reclusione in primo grado, pena annullata dall’assoluzione, giunta pochi giorni fa presso la Corte d’Appello di Lecce.

Belen Rodriguez e Stefano De Martino nervi tesi: discussione in strada a Milano

Stefano De Martino è partito alle volte della Mauritius assieme a quella che dovrebbe essere la sua nuova fiamma mentre la ex, Belen Rodriguez, è da quest’estate la compagnia del pilota di moto gp Andrea Iannone.

2242049_belen_rodriguez_lite_stefano_de_martino

La coppia ha raggiunto un accordo in tribunale, ma sembra che a volte fra i due i nervi siano ancora tesi, come dimostrano le foto pubblicate da “Vero” che vede i due discutere non certo serenamente per le strade di Milano “assistiti” dal piccolo Santiago e Patrizia Griffini, amica della showgirl argentina ed ex gieffina.

Fa sesso in tribunale mentre attende la sentenza, poi posta il video su Twitter

Si filma mentre mima un atto sessuale mentre si trova in tribunale nel tentativo di risolvere i suoi problemi legali. La donna si è ripresa in atteggiamenti equivoci all’interno della corte e ha poi pubblicato le immagini su Twitter. Nel video la donna specifica di trovarsi in un tibunale della Florida per risolvere alcuni guai legali.

sesso-in-tribunale

Sul social commenta: “Oggi ci siamo divertiti così tanto in tribunale, abbiamo trovato il modo per risolvere i miei problemi legali. Shhh non ditelo a nessuno”.
Il giudice capo si è detto disgustato per quanto pubblicato e ha chiesto che venissero avviate delle indagini in merito, per approfondire la vicenda. La 26enne si trovava in tribunale per una contestazione della violazione della libertà vigilata e mentre attendeva ha fatto sesso con un uomo nei locali del tribunale, diffondendo la notizia in rete. «Non approvo quello che ha fatto mia figlia», ha dichiarato al Mirror il padre della donna, «ma non mi vergogno di lei, sono solamente deluso». La protagonista del video è mamma di un bambino.

Accordo in Tribunale: Belen riceverà da De Martino mille euro al mese per Santiago

Si sono incontrati per pochi minuti in un’aula del Tribunale di Milano per formalizzare la loro separazione: Belen e Stefano De Martino, accompagnati dai rispettivi legali, hanno raggiunto un accordo che i giudici dovranno valutare. Il ballerino verserà mille euro al mese per il mantenimento di Santiago che resterà a vivere a Milano con la madre. Per la showgirl non sono previsti alimenti…

foto-matrimonio-belen-e-stefano

Si sono sposati il 20 settembre a Comignago con una celebrazione romantica e un ricevimento sontuoso. Ma il matrimonio di Belen e Stefano è naufragato dopo appena due anni e martedì 24 gennaio c’è stata l’udienza presso il Tribunale di Milano per rendere formale la loro separazione.
La showgirl e il ballerino, nella stessa aula accompagnati rispettivamente dall’avvocato Nicola Colavita e dal legale Laura Matteucci, non si sono nemmeno scambiati uno sguardo. L’udienza è stata breve: l’accordo è stato firmato già da qualche settimana e i giudici devono solo valutarlo.
L’ACCORDO
Come sottolinea Il Messaggero, è molto simile a quelli raggiunti da quasi tutte le coppie che si separano e hanno figli minori. Il piccolo Santiago, nato nel 2013, resterà a vivere a Milano con la madre. De Martino, residente a Roma, potrà vederlo due fine settimana al mese, ma nel capoluogo lombardo. Poi i canonici 15 giorni delle vacanze estive, ad agosto, e le feste alternate. Il ballerino inoltre verserà mille euro al mese per il mantenimento del bambino mentre per la showgirl non sono previsti alimenti.

Fabrizio Corona: “Non voglio tornare in prigione”

Il futuro di Fabrizio Corona è appeso a un filo. Posa sorridente con il figlio Carlos e la fidanzata Silvia Provvedi, ma nel suo animo è tutto un tumulto. Mercoledì il Tribunale di Milano ridiscuterà la sua pena e rischia di tornare in cella altri due anni. “Ostento la mia solita sicurezza – ha detto al settimanale Gente -, una maschera che uso per proteggere me stesso e gli altri, ma in realtà ho molta paura.

C_2_fotogallery_3005084_0_image

Non voglio tornare in carcere”.
“Ho scontato la mia pena. Ho trascorso due anni e mezzo in carcere, quattro mesi in comunità e da ottobre 2015 sono in affidamento ai servizi sociali. Ora rischio però di tornare in prigione. La cella, l’isolamento, le condizioni pietose e i volti degli altri detenuti ritornano nei miei incubi. Vi prego, non fatemi tornare dietro le sbarre” ha detto l’ex re dei paparazzi al settimanale Gente.
Il Tribunale deve discutere la “continuazione del reato”, cioè l’accorpamento di pene: “Sono appeso a un filo… Chiedo solo che mi venga riconosciuto quello che è legittimo”. Quel che rischia è che non gli venga riconosciuta la “continuazione del reato” e che la sua pena risalga a 13 anni (e non 9 come riconosciuto in precedenza) e che quindi per lui si riaprirebbero le porte del carcere immediatamente per almeno altri due anni. “Dovesse andare male, affronterò la vita come sempre a testa alta…” dice anche se nel suo cuore pensa al figlio 14enne e alla nuova fidanzata Silvia Provvedi. “Stiamo bene tutti e tre insieme”.

Maria De Filippi assolta dalle accuse di plagio: ‘Amici’ non ha copiato ‘La scuola in diretta’

Amici di Maria De Filippi non ha copiato il format tratto dal programma ‘La scuola in diretta’, andato in onda su Italia 1 tra il dicembre 1995 e maggio 1996: lo ha stabilito la Corte d’appello di Roma, confermando il parere espresso in precedenza dal tribunale di Roma e definendo così un lungo contenzioso iniziato nel 2004 dallo sceneggiatore tv Roberto Quagliano.

maria-de-filippi

Quagliano – ricorda una nota diffusa dai legali della De Filippi, Giorgio Assumma e Andrea Micciché – si era rivolto al tribunale civile di Roma sostenendo «di essere stato il creatore del programma ‘La scuola in diretta» e di «aver elaborato in un successivo format del 2001 tale programma, offrendone la realizzazione al direttore delle reti Mediaset Giorgio Gori, il quale aveva però declinato l’offerta». Successivamente però, «sempre a detta di Quagliano, la stessa Rti aveva iniziato la messa in onda di Amici, programma di cui la De Filippi si dichiarava autrice, ma che in effetti riproduceva, plagiandoli, gli elementi strutturali della ‘Scuola in direttà. Basandosi su tali presupposti la sua accusa di plagio», Quagliano aveva intentato l’azione civile a carico della conduttrice chiedendo il risarcimento danni.  Con una sentenza resa pubblica oggi, la sezione specializzata in materia di impresa della Corte d’appello di Roma, presieduta dal giudice Edoardo Cofano, ha accolto la tesi difensiva dei legali di Maria De Filippi e la ha assolta, condannando Quagliano al pagamento delle spese processuali.

Lele Mora: “Corona? Non gli tira, pieno di Viagra. Belen non gliela diede, lui andò in tv gonfio…”

“Corona? Ha qualche santo in tribunale, se io faccio la pipì fuori dal vaso allago l’Italia e lui invece… Aveva 14 anni da scontare, e allora o ha un bravissimo avvocato o ha qualche giudice in paradiso.

mora_corona_ape

Poi per lui si sono mossi tutti, da Celentano in giù”.
Un Lele Mora scatenato a “La Zanzara ” su “Radio24” contro Fabrizio Corona: “Corona – ha fatto sapere – dovrebbe farsi qualche punturina in meno di botulino.Tra l’altro ha pure cambiato chirurgo, che non è più Urtis ma un certo Dario Bertossi”. “Lui non ha più il tiraggio di una volta, gli tirava col viagra, adesso non gli tira più e fa le serate. Lui è un sex symbol e di solito i sex symbol trombano: e allora faceva un uso smodato di viagra. Pensate che una sera si è sbagliato perché si doveva scopare una sua ex, la Rodriguez, lei non gliel’ha data e lui si è presentato in una trasmissione con un coso tutto gonfio e non so cosa sia successo”.

Tra di loro solo baci: “Non abbiamo mai fatto sesso. Solo coccole, carezze e baci. Con la lingua, certo. E sennò come?”.